LOGO - Home Page
Alcuni partner di Safetal - Scopri come diventare Partner!

Condividi questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

A Pasqua la sorpresa migliore è la sicurezza!


L’UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione - ricorda i requisiti che devono avere i giocattoli contenuti nelle uova di Pasqua: sicuri, non infiammabili, privi di bordi taglienti.

Sorprese sicure per una Pasqua più “dolce”. Far felici i nostri bambini in piena sicurezza: per questo l’UNI – Ente Nazionale Italiano di Unificazione –  in vista della Pasqua ricorda che dietro i giocattoli contenuti nelle uova possono celarsi alcuni pericoli.

Come facciamo a sapere se il giocattolo, soprattutto se piccolo e con parti meccaniche componibili, può rappresentare un pericolo per i bambini? Ecco i consigli dell’UNI  che, in applicazione di una direttiva UE specifica sui giocattoli, ha elaborato la serie di norme UNI EN 71, che stabiliscono requisiti di sicurezza e metodi di prova dei giocattoli destinati ai bambini fino ai 14 anni.

Le sorprese presenti nelle uova di Pasqua non devono contenere sostanze potenzialmente pericolose (come antimonio, arsenico, bario, cadmio, cromo, piombo, mercurio e selenio). Per verificarlo si effettuano analisi di laboratorio che simulano le situazioni di prolungato contatto dei materiali con la saliva e con i succhi gastrici del bambino dopo l’eventuale ingestione, al fine di stabilire i livelli massimi giornalieri di ingestione ammissibili per ciascuna sostanza.

Inoltre le sorprese non devono essere infiammabili: ad esempio per verificare la non-infiammabilità dei peluche, questi sono messi a contatto con una fiamma tesa, alimentata a gas, dell’altezza di 2 centimetri per un certo numero di secondi; dopo di che si misura il tempo impiegato dalla fiamma per propagarsi sul giocattolo stesso.

In linea generale, le norme UNI EN 71 prevedono una serie di principi di sicurezza, che rientrano a pieno titolo nei requisiti che una sorpresa contenuta nell’uovo di Pasqua deve possedere:

- i giocattoli non devono avere bordi taglienti;
- le parti sporgenti che comportano rischi di perforazione devono essere protette;
- le eventuali molle e gli altri meccanismi in movimento non possono essere accessibili alle dita. Questa prova viene effettuata con una “mano meccanica” che simula le dimensioni e le articolazioni delle dita dei bambini;
- i giocattoli da portare alla bocca e quelli con piccole parti staccabili devono avere dimensioni tali da non poter entrare in un “cilindro di prova” che simula le dimensioni della trachea dei bambini.

Per concludere possiamo dire che sono di estrema importanza - e garanzia di sicurezza - le avvertenze, le istruzioni per l’uso dei giocattoli, le indicazioni per il montaggio e la manutenzione e, soprattutto considerando la tipologia dei prodotti, il simbolo grafico per l’etichettatura di avvertimento sull’età. Tale simbolo, che deve apparire o sul giocattolo stesso, o sulla confezione o nelle istruzioni per l’uso, ha infatti lo scopo di informare gli adulti, che il giocattolo potrebbe essere non adatto per un bambino di età inferiore ai tre anni.
 
Fonte: UNI

Tutte le news
  Prodotti
Smaltimento rifiuti
Vedi »
Comunicatore ADSL-IP PSTN...
Vedi »
Polvere estinguente abc 40%...
Vedi »
Tasto singolo a sfioramento...
Vedi »
Manometro digitale per...
Vedi »
TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL...
Vedi »
Effetto ventosa: video...
Vedi »
Lampada di emergenza Mica...
Vedi »
Veicolo BAI Polisoccorso -...
Vedi »
Cassaforte Star
Vedi »
Vedi tutti i prodotti...

DAITEM WoltersKluwer.it Mega Italia Media LibriSicurezza.it