LOGO - Home Page
Alcuni partner di Safetal - Scopri come diventare Partner!

Condividi questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

Edo Ronchi, aggiorrnare subito le mappe di rischio ambientale


Aggiornare le mappe dell' Italia delle frane per rappresentare la situazione attuale di rischio delle aree piu' vulnerabili, aumentata a causa di deforestazioni, mancata manutenzione delle reti idrografiche, costruzioni incontrollate, piogge di tipo tropi

Lo propone il Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ed ex Ministro dell' Ambiente, Edo Ronchi. Per Ronchi bisogna, come misura di prevenzione da attivare immediatamente con un provvedimento d'urgenza, provvedere alla riclassificazione precisa delle aree a rischio di frane molto elevato.
 
Tale misura - secondo Ronchi - va finanziata e affidata per l'esecuzione alle Province, col supporto di tutti gli organi tecnici e di bacino esistenti . ''Dire che territori di intere Regioni sono a rischio al 100% o al 70%, come leggo su diversi giornali - afferma Ronchi - risponde ad una classificazione del rischio troppo estensiva e, allo stesso tempo, insufficiente: estensiva poiche' si basa su un'indagine storica (basta che in un comune si sia verificata, anche molti anni fa,una frana perche' l'intero territorio comunale sia classificato a rischio); insufficiente poiche' non ci dice quali sono, non i comuni a rischio generico, ma le precise aree a rischio effettivo molto elevato, nelle nuove condizioni climatiche.
 
Le mappe del rischio idrogeologico vanno quindi aggiornate''. Una volta elaborate le nuove mappe del rischio elevato, per Ronchi, e' necessario verificare l' efficienza del sistema di previsione e monitoraggio meteorologico per attivare, in caso di piogge intense, un sistema di allerta rapida per tutelare la popolazione e, se necessario, attuare o rafforzare, dove gia' ci sono, le misure di prevenzione e di messa in sicurezza di tali aree. ''Colpisce - conclude Ronchi - che mentre si attuano interventi di protezione civile sempre piu' frequenti, non vi sia stato ancora un intervento organico teso a prevenire il rischio territorio e a mitigarne le conseguenze.
 
Forse perche' manca la consapevolezza che la crisi climatica con il suo portato di piogge tropicali sta alzando, in alcune zone del Paese, il rischio di frane rovinose''.

Fonte: Ansa Ambiente

Tutte le news
  Prodotti
ART - Operatori...
Vedi »
Sistema di allarme anti...
Vedi »
Veicolo BAI Polisoccorso -...
Vedi »
Polvere estinguente abc 40%...
Vedi »
Lampada di emergenza Mica...
Vedi »
Comunicatore ADSL-IP PSTN...
Vedi »
TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL...
Vedi »
Casco antincendio boschivo...
Vedi »
Centrale rilevazione gas a 16...
Vedi »
Tasto singolo a sfioramento...
Vedi »
Vedi tutti i prodotti...

DAITEM WoltersKluwer.it Mega Italia Media LibriSicurezza.it