LOGO - Home Page
Alcuni partner di Safetal - Scopri come diventare Partner!

Per condividere questo elemento nei social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To share this element in social networks it is necessary to accept cookies of the 'Marketing' category

Più che un laser, l'arma definitiva


Un dispositivo commissionato dall'esercito USA promette di fare di tutto: fermare veicoli in movimento, stordire i nemici, friggerli a puntino a distanza. Al momento però, dopo anni di studi, i risultati non sembrano essere incoraggianti

Un'arma in grado di combinare assieme gli effetti di uno shock elettrico, la scarica di un raggio laser e il calore mortale delle microonde: ci stanno lavorando negli USA presso l'Army's Armament Research Development and Engineering Center (ARDEC), nella speranza di qui a pochi anni di sviluppare una tecnologia poliedrica che si presta a essere utilizzata in molti scenari diversi.

Nota appunto come Multimode Directed Energy Armament System, tale tecnologia serve sia in difesa che in attacco, permettendo nel primo caso di debellare esplosivi o razzi in procinto di disintegrare su un bersaglio, mentre come arma i suoi effetti possono variare da scariche modello Taser a veri e propri "fulmini" ad alta energia capaci (tra le altre cose) di bloccare i veicoli in transito, passando per la somministrazione di un fascio concentrato di microonde che proprio bene alla pelle non fanno.

Così come viene descritto su Wired e New Scientist, il sistema MDEAS utilizza un impulso laser a corto raggio per creare un canale ionizzato attraverso l'aria; in tale canale viene poi fatto passare il getto di energia che può essere elettrica o a base di microonde, risultando nel secondo caso letale per qualsiasi mezzo o essere umano si trovi malauguratamente sulla traiettoria dell'arma.
Barbara Machiak dell'ARDEC presenta la tecnologia MDEAS descrivendo un dispositivo in grado di "sconfiggere/neutralizzare un intero spettro di minacce materiali a distanza", capace di generare "effetti di energia diretta (DE) multimodali" e di poter essere tarata per sortire "effetti regolabili dal non-letale al letale".

Di armi multimodali in realtà l'esercito americano si starebbe già occupando da nove anni e più, ma sino a ora i risultati sul campo non si sono visti per niente. Tra i problemi da affrontare per concretizzare questo genere di tecnologia, avvertono gli esperti, c'è l'effetto "suicidio" che contraddistingue le armi a microonde, tendenti a generare danni sia sul bersaglio che sulla piattaforma di origine del raggio.

Fonte: Punto Informatico



Link: http://www.punto-informatico.it
Tutte le news
  Prodotti
Lampada di emergenza Mica...
Vedi »
Veicolo BAI Polisoccorso -...
Vedi »
TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL...
Vedi »
Comunicatore ADSL-IP PSTN...
Vedi »
Polvere estinguente abc 40%...
Vedi »
Sistema di registrazione e di...
Vedi »
Manometro digitale per...
Vedi »
Effetto ventosa: video...
Vedi »
Centrale rilevazione gas a 16...
Vedi »
Cassaforte Star
Vedi »
Vedi tutti i prodotti...

DAITEM DynDevice Mega Italia Media LibriSicurezza.it