LOGO - Home Page
Alcuni partner di Safetal - Scopri come diventare Partner!

Le responsabilità penali e civili del RSPP

 
Il Reponsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale deve possedere, oltre alle generiche "attitudini e capacità adeguate" di cui all'art.8 del D.Lgs.626/94, capacità organizzative, relazionali ed amministrative, cioè deve avere capacità di programmare, pianificare, comunicare con i vari soggetti gli obiettivi, di reperire, sviluppare, gestire e motivare le risorse umane. 
 
Queste devono essere integrate con le competenze culturali che concorrono a definire più in generale la prevenzione, quali: conoscenze delle disposizioni di legge, della sicurezza del lavoro, dell'organizzazione del lavoro, dell'ergonomia, ecc. Stante l'importanza di tale figura, che può svolgere un ruolo cruciale e particolarmente efficace ai fini di elevare i livelli di prevenzione e protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori, non è però assoggettato a responsabilità penale in quanto non menzionato nel titolo IX del D.Lgs.626/94 inerente le sanzioni per violazioni di norme. Infatti, il 626/94 non viene definito né dirigente né preposto.
 
Il problema della sua vera responsabilità in caso di infortunio sul lavoro, sarà valutato dalla magistratura sulla base della sua collocazione interna od esterna all'azienda e di un'attesa analisi del processo che ha portato che ha portato al verificarsi dell'infortunio. Se il responsabile aveva mancato di individuare un pericolo e di conseguenza di individuare le necessarie preventive, non fornendo al datore di lavoro l'informazione necessaria per attuare le stesse, potrebbe essere chiamato a rispondere, ovviamente in concorso con il datore di lavoro, dell'evento; ove invece il responsabile aveva correttamente individuato il problema e indicate le soluzioni, ma il datore di lavoro o il dirigente o il preposto non hanno dato seguito alle sue indicazioni, egli dovrebbe essere sollevato da qualsiasi responsabilità nel merito dell'evento. 
 
La responsabilità penale del RSPP può derivare da fatto doloso o da negligenza tale da configurare il concorso di colpa nel reato proprio del datore di lavoro o del dirigente, mentre per quanto le sanzioni le sanzioni di cui al D.Lgs. 626/94 tale figura è esclusa da qualunque tipo di responsabilità derivante dall'inadempimento dagli obblighi derivanti dal decreto di cui sopra. L'obbligazione assunta dal responsabile interno del SPP è in ogni caso quella di adempiere ai compiti affidatategli con la necessaria diligenza professionale di cui all'art.1176 del c.c. e quindi può conseguirne , nei confronti dell'azienda, sia una responsabilità contrattuale, sia una responsabilità civile extra contrattuale e penale ( artt. 529 e 560 Codice penale) per colpa speciale e professionale.
  Prodotti
ART - Operatori...
Vedi »
Veicolo BAI Polisoccorso -...
Vedi »
Centrale rilevazione gas a 16...
Vedi »
TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL...
Vedi »
Lampada di emergenza Mica...
Vedi »
Comunicatore ADSL-IP PSTN...
Vedi »
Protezioni antiurto con anima...
Vedi »
Effetto ventosa: video...
Vedi »
Sistema di registrazione e di...
Vedi »
Manometro digitale per...
Vedi »
Vedi tutti i prodotti...

160x600 TESTO UNICO 5a Edizione
DAITEM WoltersKluwer.it Mega Italia Media LibriSicurezza.it