LOGO - Home Page
Alcuni partner di Safetal - Scopri come diventare Partner!

Per condividere questo elemento nei social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To share this element in social networks it is necessary to accept cookies of the 'Marketing' category

02/12/2009 - Gestione dei rifiuti: riunione italiana per il CEN/TC 183


La gestione dei rifiuti negli ultimi tempi sta certamente facendo registrare una serie di criticità in molte città italiane. Il caso più recente è quello di Palermo.
E proprio nel capoluogo siciliano - presso la sede di Confindustria Sicilia - si è tenuta, il 19 e 20 novembre scorsi, la riunione plenaria annuale del Comitato Tecnico Europeo CEN/TC 183 "Waste management", che si occupa della definizione di norme tecniche europee relative alla gestione e alla raccolta dei rifiuti.
Ospitare nuovamente la riunione plenaria in Italia è stato un ulteriore segno di grande interesse al tema da parte italiana, confermata anche dalla posizione di leadership nel principale gruppo di lavoro del TC 183, presieduto da Gianmaria Baiano e con Segreteria presso UNI.
La delegazione italiana ha ottenuto l'approvazione della propria precedente proposta relativa a una nuova norma da realizzare, volta a definire il primo standard europeo sui livelli di accettazione della qualità dei servizi di gestione dei rifiuti, in termini di raccolta, pulizia delle strade, trasporto dei rifiuti, pulizia dei contenitori, rimozione dei rifiuti abbandonati ecc. Grazie a tale approvazione, le prime bozze di questa norma verranno elaborate in Italia e verranno proposte al più presto alle delegazioni degli altri Paesi europei.
Sull'onda dell'interesse creatosi attorno all'ipotesi ora allo studio, la delegazione italiana ha avanzato anche una nuova proposta relativa alla definizione di un modello di elementi visivi che permettano di identificare i rifiuti da parte dei consumatori e degli operatori. È infatti evidente quanto, con l'introduzione della raccolta differenziata, si siano diffusi schemi, abitudini, persino contenitori diversi da regione a regione e anche da comune a comune.
Si renderebbe quindi molto utile un sistema condiviso che abbini forme, colori e scritte per permettere immediatamente di sapere se il contenitore specifico (ed il relativo servizio di raccolta) è riservato alla carta, o alla plastica, o ad un insieme di più materiali. Si tratterebbe in pratica di un elemento di significativo cambiamento nelle abitudini quotidiane sia italiane che europee se anche questa nuova proposta italiana dovesse essere approvata dal TC 183.
In UNI è attivo da anni un gruppo di lavoro specifico su questi argomenti che sta supportando la leadership italiana in ambito europeo. Si tratta di un gruppo che, a presenze storiche quali la Sinterplast e la ID&A, ha affiancato nuovi soggetti istituzionali pronti a sostenere il progetto italiano, quali ad esempio CONAI, Federambiente e FISE Assoambiente.

Fonte: UNI
Tutti gli articoli UNI
  Prodotti
Lampada di emergenza Mica...
Vedi »
Smaltimento rifiuti
Vedi »
Tasto singolo a sfioramento...
Vedi »
Cassaforte Star
Vedi »
Sistema di gestione della...
Vedi »
Centrale rilevazione gas a 16...
Vedi »
Sistema di registrazione e di...
Vedi »
TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL...
Vedi »
AF PANEL
Vedi »
Casco antincendio boschivo...
Vedi »
Vedi tutti i prodotti...

Per visualizzare questo banner pubblicitario è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
To view this ad banner you must accept cookies of the 'Marketing' category
DAITEM DynDevice Mega Italia Media LibriSicurezza.it